Home

10/01/2018 - Proroga detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica: Legge di Bilancio 2018

Proroga detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica: Legge di Bilancio 2018

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2018 sono state apportate alcune modifiche relativamente alla detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica.
Innanzitutto, è prevista la proroga per la "generalità" degli interventi di riqualificazione energetica nella misura del 65% per le spese sostenute fino al 31.12.2018 (anziché fino al 31.12.2017). La detrazione, poi, è stata estesa alle spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, sostenute dall’1.1 al 31.12.2018, con un ammontare massimo di detrazione di euro 100.000.
È prevista, però, la riduzione al 50% della detrazione, per le spese sostenute per i seguenti interventi:

·         acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;

·         acquisto e posa in opera di schermature solari;

·         acquisto e posa in opera di i mpianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, con l’importo massimo della detrazione pari a euro 30.000;

·         sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto ex Regolamento UE n. 811/2013.


Relativamente agli impianti di climatizzazione invernale, se gli stessi sono sostituiti da impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro ed è prevista anche la contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, la detrazione sarà pari al 65%.

Indice completo SeacInfo

Proroga della detrazione IRPEF per interventi di recupero edilizio: Legge di bilancio 2018

Come noto, recentemente è stata pubblicata in G.U. la Legge 27 dicembre 2017, n. 205, c.d. Legge di Bilancio 2018.
Con la modifica dell’art. 16, comma 1, D.L. n. 63/2013, è stata disposta la proroga per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2018 (anziché 31 dicembre 2017) della detrazione IRPEF per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 16-bis, TUIR:

·         nella misura del 50% (anziché del 36%);

·         su un importo massimo di euro 96.000 (anziché euro 48.000).

Indice completo SeacInfo

Licenziato illegittimamente dopo l’alterco con il collega: il risarcimento va quantificato tra 12 e 24 mensilità

In materia di licenziamento, la Corte di Cassazione è stata chiamata ad esprimersi in merito al caso di un diverbio nato tra due colleghi all’interno dell’azienda, e proseguito all’esterno della stessa, dopo l’orario di lavoro, terminando "a coltellate".
Nell’Ordinanza n. 297 del 9 gennaio 2018, i giudici chiariscono che, mancando la continuità spazio-temporale tra i fatti avvenuti all’interno dell’azienda e quelli avvenuti all’esterno, il licenziamento operato dall’azienda è da ritenersi illegittimo, in quanto vengono meno le motivazioni a sostegno dello stesso addotte dall’azienda. Peraltro, sbaglia il giudice di merito nel quantificare in sole 6 mensilità il risarcimento, in quanto nel caso in specie si deve far riferimento al comma 5 dell’articolo 18, che prevede un’indennità tra dodici e ventiquattro mensilità.

Indice completo SeacInfo

Niente sospensione per l’inosservanza dell’ordine di servizio

La Corte di Cassazione, confermando la pronuncia del giudice di merito, ha statuito l’illegittimità della sospensione nei confronti del dipendente che pretende di prestare l’attività lavorativa anche se collocato in ferie d’ufficio.
La Suprema Corte, con la Sentenza n. 279 del 9 gennaio 2018, ha chiarito che l’inosservanza dell’ordine di servizio non costituisce insubordinazione e non comporta una lesione dell’obbligo di fedeltà; in questa ipotesi, pertanto, risulta necessaria l’affissione nel codice disciplinare visto che la condotta non viola le generali e basilari regole di comportamento.

Indice completo SeacInfo