Home

COSA CHIEDE ASCOM CONFCOMMERCIO PADOVA AL NUOVO GOVERNO

richieste politici
L'ASCOM CONFCOMMERCIO DI PADOVA CHIEDE AL NUOVO GOVERNO (QUASIASI SIA, "POLITICO" O DESTINATO A FARE "POCHE COSE") DI AFFRONTARE PRIORITARIAMENTE  3 QUESTIONI: COSTO DEL LAVORO, VALORIZZAZIONE DEI CENTRI URBANI E GIUSTO EQUILIBRIO PER LE GIORNATE DI CHIUSURA.
IL PRESIDENTE BERTIN: "LA CHIAVE DI VOLTA E' PUNTARE SUL LAVORO DI QUALITA'"
Se in Parlamento non si troverà una maggioranza e dunque non si potrà fare un governo "politico", l'alternativa, per tutti, sembra essere il ricorso a nuove elezioni dopo "aver fatto una nuova legge elettorale e poche cose". Anche se nessuno sembra in grado di specificare quelle "poche cose"."Io invece dico di più: qualsiasi sia il governo e qualsiasi sia la sua ipotetica durata, le "poche cose" vanno fatte subito. Ed in proposito noi abbiamo le idee chiare".Esce allo scoperto il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin, e dopo aver consegnato ai partiti, in sede di campagna elettorale, una lista con le cose da fare e dopo avere condensato quelle cose in un "decalogo", ora riduce a tre gli interventi che, a suo giudizio, non possono essere procrastinati. Nemmeno se non si dovesse giungere alla nascita di un governo."Le imprese del commercio, del turismo e dei servizi - continua il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova - non chiedono la luna, vogliono però un cambio di passo".E dunque cosa chiedono?Richiesta numero uno."Abbiamo la necessità - elenca Bertin - che si intervenga sul costo del lavoro senza però aumentare l'Iva. In altri termini abbiamo bisogno di compensare meglio i nostri collaboratori senza gravare sui costi aziendali e senza arrivare ad uno scambio "cuneo fiscale contro aumento dell'Iva". L'aumento dell'Iva, infatti, avrebbe un effetto "gelante" sui consumi (si parla di oltre 20 miliardi in tre anni), consumi che, con difficoltà, stanno tornando ai livelli pre-crisi".Richiesta numero due."L'Italia - continua Bertin - è il Paese dei mille borghi e delle cento città. E' lì che chi si appresta a governare (per 5 anni o per qualche mese) deve azionare le leve dello sviluppo. Questo significa investire sulla riqualificazione urbana, sul rialzare le serrande abbassate, in altri termini sulla ripresa del commercio là dove si può sviluppare il turismo. Creare grandi strutture ai margini delle città come stanno facendo certi sindaci anche del nostro territorio, è una prospettiva miope che ipotecherà, in senso negativo, il futuro dei nostri figli e nipoti per i prossimi cent'anni".Richiesta numero tre."Equilibrio - conclude il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova - deve essere la parola d'ordine del nostro futuro. Quando chiediamo sei giorni di festa l'anno coi negozi chiusi non chiediamo di bloccare il progresso (come vorrebbero far credere i guru della grande distribuzione) nè di limitare il Pil (che, nonostante tutte le domeniche aperte, non si è mosso, se guardiamo al commercio, nemmeno di un decimale). Chiediamo solo di offrire ai dipendenti ma anche ai titolari (nelle piccole imprese a gestione familiare non c'è differenza quando si tratta di sacrificare la domenica) una giusta pausa che, in assenza di regole, non è possibile perchè i grandi impongono tempi e modi di lavoro che non vanno d'accordo nè col reddito nè con la famiglia".Dunque, tre provvedimenti per realizzare sviluppo "dal basso"."Tre provvedimenti - conclude Bertin - che il nuovo governo, qualsiasi nuovo governo, deve poter varare nella convinzione che puntare sul lavoro "di qualità" sia la chiave di volta per ridare a questo Paese una prospettiva di sviluppo che non sia legata al "low cost" che, troppo spesso, si traduce in precarietà se non addirittura in sfruttamento".


PADOVA 13 MARZO 2018