Home

09/11/2015 - Attribuita al centro operativo di Pescara la gestione delle istanze voluntary disclosure: Provvedimento

Attribuita al centro operativo di Pescara la gestione delle istanze voluntary disclosure: Provvedimento

Con Provvedimento 6 novembre 2015, l'Agenzia delle Entrate ha attribuito al centro operativo di Pescara la gestione delle istanze di accesso alla procedura di collaborazione volontaria, disciplinata dall'art. 1, Legge 15 dicembre 2014, n. 186, presentate, per la prima volta, a decorrere dal 10 novembre 2015.
In particolare, è stato precisato che:
  • la relazione di accompagnamento e la documentazione che integrano le istanze di adesione alla voluntary disclosure, dovranno essere trasmesse, entro il 30 novembre 2015, esclusivamente via PEC all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;
  • al contrario, la gestione delle istanze da parte della Direzione Provinciale di Bolzano rimane invariata, anche per le istanze presentate per la prima volta a decorrere dal 10 novembre 2015.

Pensionati iscritti all'AIRE proprietari di più immobili in Italia, Risoluzione MEF

Con Risoluzione 5 novembre 2015, n. 10, il MEF ha fornito ulteriori chiarimenti in merito all'esenzione dall'imposta municipale propria (IMU) e all'applicazione del tributo per i servizi indivisibili (TASI) per i pensionati iscritti all'AIRE proprietari di più immobili in Italia.
Il documento di prassi rammenta che l'abitazione principale deve essere costituita da una sola unità immobiliare.
Nella Risoluzione in oggetto viene inoltre precisato che, in assenza di specifiche disposizioni, l'individuazione dell'immobile da equiparare all'abitazione principale può essere effettuata direttamente dal contribuente applicando il regime di favore stabilito dall'IMU per l'abitazione principale. Le altre unità immobiliari vanno considerate come abitazioni diverse.
La scelta dell'immobile da adibire ad abitazione principale deve essere effettuata attraverso la presentazione della dichiarazione IMU (che vale anche ai fini TASI).

Lavoratore che compensa lo straordinario con pari periodi di assenza: licenziamento illegittimo

Secondo la Corte di Cassazione è illegittimo il licenziamento del lavoratore che, impegnato all'estero per conto dell'azienda, al fine di recuperare ore di straordinario si assenta per due giorni dal lavoro, indicando comunque le predette giornate come lavorate nella time sheet aziendale.
La Corte di Cassazione si è così espressa nella Sentenza n. 22626 del 5 novembre 2015, rigettando il ricorso di una società volto a contestare la decisione di merito ed a sostenere la legittimità del licenziamento a causa della perdita del vincolo fiduciario.

INAIL: siglato un protocollo sulla sicurezza nei cantieri

In data 2 novembre 2015 tra INAIL, Ance, Feneal Uil, Filca, Cisl, Fillea Cgil è stato siglato un Protocollo d'intesa con il quale le Parti si impegnano a collaborare nella realizzazione del programma "Edilizia Sicura", promuovendo iniziative mirate nei cantieri.
Il Protocollo ha ad oggetto l'impegno dell'INAIL a collaborare alla realizzazione di iniziative e attività congiunte inerente ai campi della sicurezza e della salute nei luoghi di vita e di lavoro, promuovendo, in particolare, azioni mirate nei cantieri.

Licenziato il dipendente per insubordinazione ed ingiurie al capo

In tema di licenziamento per giusta causa, la Corte di Cassazione ha statuito la piena legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti del dipendente, che non adempie alle indicazioni del superiore ed ingiuria lo stesso in presenza di altri colleghi.
Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 22611 del 5 novembre 2015, ha chiarito che la sanzione espulsiva è giustificata in quanto il comportamento del lavoratore ha messo in difficoltà il superiore verso gli altri dipendenti, compromettendo irrimediabilmente il vincolo fiduciario con il datore di lavoro.